lunedì 2 luglio 2012

intervista a un disegnatore fumettista


Oggi ho il piacere d'intervistare Daniele Raineri, disegnatore che ha sicuramente un grande futuro nel mondo del fumetto perchè lo trovo talentuoso e molto ingamba ecco l'intervista :
sopra un disegno di Daniele

Chi è Daniele Raineri

Daniele Raineri è un semplice ragazzo come tanti che aspira ad intraprendere il campo del disegnatore.
Alle mie spalle ho il diploma del liceo artistico, e la scuola del fumetto conclusa a giugno.
Per il resto, disegno da sempre, e amo tutto ciò che si possa produrre con fogli e matite.
L' unica cosa che credo mi salvi, è la forte passione e il grande amore che mi ha sempre accomunato al disegno,
in questo campo, per chi vuole avvicinarsi al fumetto intraprendendo la carriera, è indispensabile avere una gran forza 
d' animo e non abbattersi mai, perchè prima di vedere la luce, bisogna farsi chilometri e chilometri al buio quindi..
l' importante è crederci e non mollare mai!
Per il resto il mio blog come Youtube ecc sono degli spazi dove mi piace postare il mio lavoro e condividerlo con chi
ha passione per il meraviglioso mondo del disegno, e sono felice che entrambi stiano avendo abbastanza visibilità,
son sforzi ripagati insomma.


Chi è il fumettista italiano che più ti piace e ammiri ?

Di disegnatori che ammiro alla follia c'è ne sono tantissimi, di Italiani posso dirti
Francesco Mattina, Gab Dell' Otto, Lucio Parrillo Bianchi Vitti, nel campo Bonelli invece Carnevale, Celoni, Mastrantuono, Bocci, Lozzi e tanti ma tanti altri.



Chi aspira a diventare un fumettista , colorista o un’altra professione che fa parte di questo settore, è appassionato ma non ha frequentato ne il liceo artistico, ne belle arti o qualsiasi istituto adiacente ha la possibilità d’imparare a disegnare da fumettista e un giorno svolgere quest’attività ?

 Certamente, la scuola aiuta molto, ma non è obbligatoria, ci sono tantissimi disegnatori che son diventati quello che sono senza frequentare corsi specifici, l' importante che ci sia la passione.

Come si crea un curriculum vitae  di un fumettista ( book, tavole ecc ) ?

Generalmente, un disegnatore prepara un book in base a ciò che vuol fare, se ad esempio, ci si vuole presentare in Bonelli,
bisogna presentare il classico soggetto, meglio se di una testata già esistente, senza inventare robe varie,
e postare matite e chine (tavole) si consiglia sempre un minimo di 3 tavole, fra ambientazioni, azioni, e dialoghi.
Poi dipende l' ambito, se si vuole fare il fumettista ci sono dei parametri, se si vuole fare il cover artist altri, l' illustratore altri ancora e così via



Se hai il talento e vuoi fare questo lavoro da dove parti quale casa editrice del fumetto contattare, o quale fiera ecc.?

Questa è una bella domanda, come sto facendo io stesso, prima di poter lavorare e campare bisogna fare tanta gavetta,
che io sappia, ad esempio in Bonelli se non hai  pubblicazioni alle spalle, non ci entri, naturalmente nel mestiere,
si va per gradi, il fumettista è colui che se in gamba e organizzativo può procurarsi tantissimo lavoro,
per le fiere invece, qui in Italia come top, sicuramente Lucca Comics, essendo la più grande e anche la più importante.

  
Quanto può guadagnare un fumettista ? (dal minimo a quello più famoso )

Queste sono cose che non so con precisione, ma dalle voci che ho sentito, non faccio i nomi delle case editrici, si arriva dai 
40 (tavola matita e Ink) ai 120 per esordienti, i professionisti arrivano a prendere anche 3/400 cento euro a tavola.
Dipende l' importanza della casa editrice.

Ringrazio Daniele per le sue risposte molto esaustive e informative sopratutto per chi aspira a diventare un fumettista professionista o a lavorare i tale ambiente.

Nessun commento:

Posta un commento

lascia un commento sull'argomento anche una domanda attinente al e ti risponderò al più presto possibile.