venerdì 17 febbraio 2012

Esercizi per imparare a disegnare

Prima d'iniziare a disegnare bisogna prendere la giusta confidenza con il materiale e gli strumenti che appartengono al mondo della grafica.

Essendo la prima lezione per imparare a disegnare dalla base, ti faccio un elenco del materiale che ti devi procurare :


  • Foglio A3 (come quelli che si usano per fare le fotocopie più grandi, infatti come grandezza equivalgono a 2 fogli A4 messi insieme.
  • Matita  2B  o B1.
  • Righello anche  di 20 o 30 cm.
  • Carta gommata .


Prendi il foglio A3 e con la carta gommata lo attacchi negli angoli al piano, in modo che aderisca bene  alla base  perché durante l'esercitazione il foglio deve rimanere immobile proprio come vedi nell'immagine sottostante.

 Adesso devi mettere il lato del righello sul bordo del foglio, in modo che coincidono più preciso possibile, come nell'immagine sottostante indicato dalla freccia.
Adesso quello che dobbiamo fare è dividere il foglio in quadrati, bloccando con le dita il righello tiri delle linee orizzontali, poi in verticale realizzando dei quadrati come vedi nell'immagine sottostante.
E sempre con il righello nel primo quadrato traccerai  una linea in orizzontale,come vedi indicato dalla freccia, e adesso parte la vera esercitazione che consiste nel tracciare delle linee orizzontali il più preciso possibile a quella segnata con il righello, in questo modo prenderai confidenza con la matita, ed inizierai ad addestrare la mano ad essere più precisa possibile,quindi per completare l'esercizio di base dovrai riempire tutti i quadrati come vedi nell'immagine sotto.
Poi devi continuare con il quadrato successivo, ma questa volta dovrai tracciare linee in verticale, sempre con lo stesso procedimento, la prima linea con il righello e dalla seconda in poi tutta a mano libera trovi l'esempio nell'immagine illustrata sotto.
Mentre il quadrato successivo lo dovrai riempire con traccie in diagonale tirando da sinistra a destra, invece nel quadrato seguente dovrai tracciare linee in diagonale al contrario e cioè partendo da destra a sinistra.
Scendendo nel quadrato sotto dovrai partire con diagonali da sinistra a destra e poi all'inverso avendo come risultato delle diagonali che s'incrociano e riempirai il quadrato seguente nello stesso modo.
Questa è la prima parte dell'esercitazione  per imparare a fare grafica, il mio consiglio è quello di riempire una decina di fogli, ma ricorda più ti eserciti più avrai padronanza della mano, che sentirai sempre meno di legno.


Ubaldo Schiavone

2 commenti:

  1. Ciao Ubaldo, complimenti per il sito, è senza dubbio il migliore che ho trovato in internet e ti assicuro che di siti ne ho visti molti!
    Premetto che mi sto dedicando al disegno solo da poche settimane, quindi non sono un principiante ma ancora meno. Ho iniziato guardando dei tutorial su youtube e provato a riprodurre quello che veniva disegnato. Il principale problema che ho riscontrato è che non avevo precisione nel tracciare le linee, erano sempre storte e tremolanti, per non parlare dei cerchi che sembravano degli asteroidi. Certo... se dovessi disegnare dei paesaggi spaziali sarei un disegnatore formidabile ma siccome il mio obiettivo sono i ritratti questo è un grosso problema.
    Mi sono allora chiesto "ma come fanno questi disegnatori ad avere un tratto così preciso?". Cercando su internet ho scoperto che vengono proposte varie tecniche:
    - chi dice di non muovere il polso ma solo il gomito e la spalla
    - altri invece propongono di far ruotare il polso
    - altri infine solo le dita.
    Ho sperimentato tutte e 3 le tecniche e quello che ho notato è che la prima tecnica sicuramente permette di avere un tratto molto nitido, va bene per linee ed archi di grandi dimensioni ma non ho precisione. Non so come spiegarmi, ma se per esempio devo tracciare una linea dal punto A al punto B, la linea è abbastanza dritta ma difficilmente riesco ad arrivare al punto B, sono sempre o più in alto o più in basso. Stesso problema con i cerchi, sono abbastanza rotondi ma difficilmente riesco a farli stare dentro ad un quadrato che ne delimiti le dimensioni.
    La seconda tecnica, quella del poso, mi sembra che dia maggiore precisione e va bene per archi di medie dimensioni. Funziona discretamente per le rette ma non è proponibile per i cerchi.
    La terza tecnica, che consiste nel muovere le dita, va bene solo per linee ed archi di piccole dimensioni. Ho precisione ma il tratto è molto più tremolante.
    Vorrei sapere la tua opinione in tal proposito e se puoi pubblicare un video su queste tecniche.

    RispondiElimina
  2. Ciao il mio consiglio è quello di esercitarti con le prime due tecniche e provare più volte fino ad avere padronanza purtroppo non è solo un concetto di tecniche ma anche di pratica continua per qualche settimana e ti accorgerai di acquistare una maggiore precisione io ad esempio mi sento più a mio agio con la tecnica che sfrutta molto il polso ma comunque è tutto relativo in base alla persona grazie per i complimenti e continua a seguirci ciao

    RispondiElimina

lascia un commento sull'argomento anche una domanda attinente al e ti risponderò al più presto possibile.